Riti, incroci e crocicchi

incroci-rituali-incantesimi-ecate
pixabay.com

Probabilmente pochi sanno che gli incroci o crocicchi di strade furono luoghi magici in tutti i periodi storici e le tradizioni di occulto. In antichità erano tra i luoghi prescelti per i sacrifici e le offerte agli dei, per ricevere oracoli e per parlare con gli spiriti.

Non stupisce che nell’antica Grecia la dea della magia Ecate fosse considerata anche la divinità degli incroci, o crocicchi.

Ancora oggi tutti i fenomeni naturali che avvengono in loro prossimità assumono un significato particolare come segni e presagi, siano esse cose che sono viste o ascoltate con i nostri sensi naturali, sia che vengano percepite provando una determinata sensazione.

Sugli incroci si possono o si devono svolgere tuttora rituali con determinate funzioni, che vanno dal veloce compimento di scongiuri o gesti magici, fino a riti più complicati per cui può essere necessario ritornare sullo stesso luogo per più volte, anche durante l’oscurità della notte.

Gli incroci di strade sono luoghi importanti sia nella magia di protezione oppure nella magia bianca, sia nella magia nera.

Ovviamente, ideali in occulto ed esoterismo non sono gli incroci delle grandi strade, bensì quelli delle strade poco frequentate secondarie e rurali: il loro significato misterioso e nascosto resta infatti il medesimo.

Annunci